Lunano

Libia: accusa traffico armi per italiano

Traffico di armi: è l'accusa che la procura generale di Tripoli ha formulato nei confronti di Giulio Lolli, l'imprenditore bolognese arrestato in Libia a fine ottobre quando è stato prelevato dalle forze speciali di deterrenza "Rada", militari che dipendono dal ministero dell'interno libico, e da allora detenuto in carcere. La conferma del capo d'accusa all'italiano arriva dalla procura generale di Tripoli, che tramite l'ambasciata italiana è in continuo contatto con la procura della Repubblica di Rimini e il sostituto procuratore Davide Ercolani che ne aveva chiesto la cattura internazionale e l'estradizione in Italia al termine dell'indagine sul crac milionario di Rimini Yacht. Quando a fine ottobre scorso è stato arrestato dai militari "Rada" che l'hanno prelevato da casa sotto gli occhi della giovane moglie libica, Lolli lavorava su una motovedetta dell'unità marittima speciale con la scritta "Police", a capo di un gruppo di 11 persone, per fermare il transito dei migranti verso l'Europa.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie